Autore: Elisa Ripamonti

Il cardellino, il film diretto da John Crowley finisce con un flashback in cui Theo e sua madre guardando il dipinto il cardellino, poco prima dell’esplosione nel museo. Il dipinto è di un’opera di Carel Fabritius risalente al 1654 e raffigurante un uccellino legato ad un trespolo e poggiato su una cassetta. Theodore Decker, rimasto orfano dalla madre a causa di un attacco terroristico al Metropolitan Museum of Art, viene accolto dalla famiglia del suo amico Andy Barbour. Theo trova il suo posto nella casa, tanto da spingere I genitori dell’amico ad adottarlo. Tuttavia, l’equilibrio e le speranze su un…

Continua a leggere

Mistero a Crooked House, il thriller ambientato a Londra negli anni ‘50, finisce con Edith che guida intenzionalmente, in compagnia dell’assassina, cioè la dodicenne Josephine, oltre il bordo di una cava. L’impatto provoca l’esplosione dell’auto e la morte di entrambe. Edith, venuta a conoscenza del fatto che l’adorata pronipote Josephine aveva commesso il brutale omicidio del nonno, si è data la colpa per evitare l’ingiusta impiccagione di Brenda e Laurence. Successivamente, scoperta l’assassina, Edith immerge il diario privato della dodicenne nell’ossido di calcio, per eliminare ogni prova. Salita in macchina con Josephine, Edith capisce che l’unico modo per non far…

Continua a leggere

The Belko Experiment finisce con Mike come unico sopravvissuto delle tre fasi dell’esperimento (uccidere due persone, uccidere trenta persone e aver fatto il maggior numero di uccisioni rispettivamente) e con i suoi omicidi alle guardie e ai veri autori dell’esperimento, con i microchip raccolti da Malty. La tragedia pare essere terminata ma una voce in fuori campo afferma che sta per iniziare la seconda fase. Mike (John Gallager Jr), infatti, faceva parte del gruppo degli impiegati americani rinchiusi nel loro ufficio di Bogotà e costretti a partecipare, come cavie umane, a un esperimento sociale. Messi a dura prova, i lavoratori…

Continua a leggere

Il film La sottile linea rossa finisce con il sacrificio di Witt (Jim Caviezel) che, resosi conto di essere arrivati alla fine, solleva il suo fucile per provocare il nemico e muore, finalmente in pace. Witt era un soldato semplice che aveva deciso di abbandonare, senza permesso, la sua vita militare per iniziarne una nuova, in compagnia dei nativi malesiani. Dopo essere stato trovato, Witt viene arrestato e trasportato sulla nave dove le truppe americane, guidate dal sergente maggiore Welsh, stanno aspettando l’ordine per l’invasione dell’isola Guadacanal. Arrivati in mezzo ai campi di battaglia, la venticinquesima divisione occupa il territorio…

Continua a leggere

Il film Deja vu: corsa contro il tempo finisce con la morte di Doug (Denzel Washington) e con il salvataggio di Claire (Paula Patton). Contemporaneamente, l’altro sè dell’uomo giunge sul luogo dell’attentato. Si vocifera che lui fosse già stato nel passato diverse volte, senza però essere mai riuscito a salvare la donna. Infatti, come si evince dal titolo, il film gioca sulla possibilità di tornare nel passato e di rivivere lo stesso momento. Dopo essere stato contattato per indagare sull’attentato al traghetto fluviale, Doug Carlin riceve l’incarico di scoprire la causa della morte di una donna il cui cadavere è…

Continua a leggere

Il significato della canzone La Cura di Franco Battiato, rappresenta la volontà di accudire e di prendersi cura della persona amata, in maniera incondizionata. Tuttavia, per sua volontà l’autore non si riferisce ad un amore specifico, materno, paterno o coniugale. Egli stesso infatti spiegò in un’intervista a Radio Dee Jay: “Quando l’ho scritta, l’ho pensata come una canzone d’amore senza mai usare la parola amore e nello stesso tempo senza avere un ritorno. Qualcosa per qualcun altro e basta. Un amore incondizionato, vero, quello che dà e basta.” La cura è una traccia dell’album L’imboscata, pubblicato nel 1996. Scritta in…

Continua a leggere

The Boy, il film horror con protagonista l’inquietante bambola finisce con Brahms che, ancora vivo, rimette insieme i pezzi della bambola e con Greta che taglia i legami con il suo passato. Il finale suggerisce che Brahms, in realtà, non è mai morto, ma è un uomo adulto, col volto coperto da una maschera, che vive nascosto nella casa degli Heelshire.  Il bambolotto è solo il suo “alter ego” di quello che lui era da piccolo, prima dell’incidente che lo avrebbe sfigurato. Greta è una babysitter alla quale è stato chiesto di prendersi cura di Brahms, una bambola di porcellana,…

Continua a leggere

Il paziente inglese finisce con la morte di Laszlo Almásy (Ralph Fiennes), il conte ungherese che, per porre fine alle sue sofferenze, chiede ad Hana (Juliette Binoche), infermiera canadese vedova di guerra, una dose letale di morfina. La giovane donna, nonostante sia affascinata e attratta dall’uomo, accetta e nello stesso momento in cui gli inietta la morfina gli legge gli ultimi appunti del diario di Katharine (Kristin Scott Thomas). Infine, Hana lascia il monastero con Caravaggio, simboleggiando la fine di un capitolo della sua vita e l’inizio di una nuova fase. Inizialmente, David Caravaggio (Willem Dafoe) spia canadese che collabora…

Continua a leggere