Autore: Tiziana Morganti

Tiziana Morganti è una giornalista pubblicista iscritta all'Ordine del Lazio dal 2010. La sua attività si svolge prevalentemente come freelance nell'ambito di tematiche legate a cinema, spettacolo e cultura. Attualmente collabora con i portali specializzati CinemaSerieTv.it, ScreenWorld.it, Cultweb.it. Oltre a questo, poi, da oltre due anni, per le testate PianetaDesign.it e Casa e Giardino si occupa di redarre articoli legati allo stile e al design all'interno dei set delle serie tv e dei film di maggior successo. Il suo percorso professionale ha mosso i primi passi dall'ambiente radiofonico, nello specifico Radio Incontro, e dalla redazione de La voce di Roma, un quotidiano locale. Successivamente è entrata a far parte del team redazionale di Movieplayer.it, occupandosi di news, recensioni e approfondimenti. Tra le esperienze più interessanti, sicuramente la 54.esima edizione del New York Film Festival, seguita come accreditata sempre per Movieplayer.it. All'attività giornalistica, poi, ha affiancato per un breve periodo, anche quella legata alla traduzione di testi dall'inglese all'italiano, e all'ufficio stampa. La comunicazione e la scrittura, infatti, sono state da sempre una sua passione coltivata durante gli anni del Liceo Classico e, successivamente, quelli dell'Università. Iscritta a Lettere e filosofia, si è poi laureata in Storia Moderna e Contemporanea.

La notizia della malattia di Re Carlo III sta facendo il giro del mondo sollevando diverse questioni riguardo la discendenza e, soprattutto, la possibilità di un’abdicazione. Alcuni degli interrogativi posti con maggior frequenza, però, riguardano la sorte di Camilla Parker Bowles e, in modo particolare, il suo ruolo di Regina Consorte. A dare una risposta piuttosto chiara a riguardo è Joe Little, caporedattore della rivista Majesty. Secondo la sua interpretazione e le consuetudini reali, nel caso in cui William succedesse al padre prima del tempo – sia in caso di morte che di problemi di salute – spetterebbe a lui…

Continua a leggere

Dopo la pesca e la noce Esselunga lancia un nuovo spot dedicato alla famiglia e all’amore genitoriale utilizzando una carota. In questa nuova storia, infatti, si vede Arianna, una giovane donna che decide di andare a vivere da sola. La cosa più difficile, però, è dirlo al padre. Questo, infatti, colto di sorpresa durante una sera come tante, cerca di convincerla a rimanere a casa perché ancora troppo giovane per camminare con le proprie gambe e fare le cose da sola. La ragazza, però, è ferma nelle proprie convinzioni e dalla sua parte ha anche la madre. Dopo questo momento,…

Continua a leggere

Francesco Cossiga, Ministro dell’interno, Presidente del Consiglio e Presidente della Repubblica, soffriva di depressione e bipolarismo. A dichiararlo è stata la figlia Anna Maria Cossiga, saggista e docente di antropologia culturale e geopolitica. Durante un’intervista con Aldo Cazzullo per Il Corriere della Sera, ha ricostruito la figura del padre privilegiando l’aspetto privato e meno quello pubblico. In quest’ambito, dunque, è stato messo in evidenza un disagio psicologico che Cossiga ha portato avanti per gran parte della sua esistenza. Curava la depressione. Era bipolare. Lui stesso parlava dell’omino bianco, giocoso, allegro, e dell’omino nero, che vedeva tutto negativo. È una delle…

Continua a leggere

Non è insolito scoprire una passione per previsioni ed oroscopi da parte dei protagonisti dello spettacolo, una tradizione da cui non si sottrae nemmeno Amadeus: il direttore artistico e presentatore di Sanremo 2024 dal 6 al si è rivolto alle stelle e alla professionalità di Paolo Fox per sapere come andrà il Festival, che si terrà dal 6 al 10 febbraio nella città ligure. Durante un’intervista rilasciata a Vanity Fair, infatti, l’Ama nazionale ha ammesso di essere particolarmente attratto dal mondo degli astri e, soprattutto, dalla capacità di chi sa leggere i loro movimenti. “Mi piacciono gli oroscopi e credo…

Continua a leggere

Andrea Brasi è il nuovo fenomeno musicale rap che conta più di un milione e mezzo di ascoltatori mensili su Spotify con un nome d’arte scelto dagli amici fin dagli anni dell’infanzia. Il riferimento, ovviamente, è a Bresh, il suo nick deriva da una semplice storpiatura del suo cognome. Una scelta che all’inizio non gli piaceva perché aveva un sapore troppo esterofilo ma che, con il tempo, ha imparato a portare legandolo al suo successo musicale. la sua carriera è iniziata nel 2012, quando pubblica il suo primo mixtape intitolato Cambiamenti. Passa un anno ed esce un secondo progetto, dal…

Continua a leggere

Beniamino Zuncheddu, il pastore sardo assolto dopo 33 anni di carcere, è stato accusato della strage di SInnai nel 1991 a causa di tre presunte false testimonianze. Una di queste dovrebbe essere quella del poliziotto che, all’epoca dei fatti, si era fatto carico delle indagini. Questo, infatti, avrebbe mostrato agli altri testimoni una foto di Zuncheddu sollecitandone il riconoscimento. Un gesto che ancora oggi sembra non avere alcun senso e movente, se non quello di nascondere la verità dei fatti o trovare a tutti i costi un capro espiatorio. Qualunque siano le motivazione, però, oggi hanno ben poco senso, soprattutto…

Continua a leggere

Istvan Reiner, nato nel 1940 a Nyiregyhaza, era un bambino ungherese di soli 4 anni che fu ucciso dai nazisti nel campo di concentramento di Auschwitz perché era ebreo. Gli fu scattata una foto in cui appare sorridente e anche un po’ intimidito, perché credeva che fosse un regalo, ma pochi giorni dopo fu ucciso nella camera a gas, diventando una delle piccole vittime dei campi di concentramento. Istvan era il figlio di Livia Vermes (nata a Budapest nel 2018) titolare di una scuola di danza e di Bela Reiner. Livia aveva avuto già un figlio, Janos Kovacz, nato da…

Continua a leggere

Schindler’s List, considerato uno dei film necessari riguardo la tematica dell’Olocausto, è tra i titoli più visti per celebrare il 27 gennaio, ossia la Giornata della Memoria. Nonostante il film di Spielberg sia un vero e proprio capolavoro per quanto riguarda la vicenda e la resa estetica, però, la sua visione è consigliata ad un pubblico di adolescenti dai 16 anni in poi. Questo dipende soprattutto dalla presenza di alcune scene che potrebbero essere troppo disturbanti agli occhi di un minore. Oltre a questo, poi, è necessario avere almeno una conoscenza parziale della storia vera di Schindler e della sua…

Continua a leggere

La notte del giudizio, ossia un’intera ed unica serata all’anno in cui ogni crimine è reso legale, non esiste veramente negli Stati Uniti. Si tratta, piuttosto, del perfetto escamotage narrativo alla base dell’omonima serie di film horror diretta da James DeMonaco. Questa inizia nel 2013 ed è composta da cinque film: La notte del giudizio (2013), Anarchia (2014), Election Year (2016), La prima notte del giudizio (2018), La notte del giudizio per sempre (2021). A questi titoli si aggiunge anche la serie tv The Purge (2018/2019). Interpretato da Ethan Hawke e dalla star de Il trono di spade, Lena Headey,…

Continua a leggere

Griselda Blanco è il personaggio interpretato da Sofia Vergara nella nuova serie Netflix Griselda ma è anche una donna realmente esistita e ricordata come una delle più importanti trafficanti di droga capace di osteggiare lo stesso Pablo Escobar. Ma qual era il suo aspetto quando era giovane? Aveva lo stesso fascino latino della Vergara o si tratta solo di un abbellimento cinematografico imposto al personaggio? Sta di fatto che la Vedova Nera, com’è stata soprannominata per la morte dei suoi tre mariti, è stata interpretata anche da Catherine Zeta-Jones nel film Cocaine Godmother. E sembra che Jennifer Lopez sia in…

Continua a leggere