Autore: Manola Sciacovelli

Classe 1991, Manola Sciacovelli si diploma in sociologia e psicologia per poi laurearsi al DAMS di Padova con 110eLode su una tesi dal titolo: "La caverna di Platone: luci, ombre e colori in Ultimo tango a Parigi" dedicata al pensiero di Storaro sulla fotografia del film connesso alla filosofia di Platone. Addetta ufficio stampa e copywriter, curatrice interviste ed eventi per agenzie di comunicazione ed enti territoriali, giornalista freelance per il quotidiano nazionale Il Gazzettino. Dal 2023 scrive e collabora per IlMeglioDiTutto e CultWeb.

Il colore che non esiste è il magenta perché non trova nessuno spazio nello spettro ottico: quando appare davanti agli occhi, il cervello inventa un colore che non corrisponde a nessuna parte dello spettro visibile. A differenza di tutti gli altri colori, il magenta non ha una propria lunghezza d’onda, cioè non esiste. Ma lo vediamo e lo percepiamo. L’occhio umano rileva i colori tramite dei coni specializzati che sono tre: la prima rileva lunghezze d’onda corte e cioè i blu; i verdi vengono rilevati dalle medie e i rossi da quelle lunghe. Ma non vediamo solamente questi tre colori:…

Continua a leggere

Non si è ancora conclusa la stagione 2022/2023 del campionato di serie A, ma i tifosi del Napoli sentono già la febbre del terzo scudetto: per dare sostegno alla squadra del cuore è stata allestita l’intera facciata di un palazzo con i volti dei calciatori come se fosse una grande pagina dell’album di figurine Panini. Il palazzo, situato nella zona della stazione centrale di Napoli tra via Nazionale e Corso Novara, è diventata una vera e propria attrazione per tifosi e turisti per mostrare, probabilmente a chi viene da fuori, che quella squadra è l’orgoglio del capoluogo campano dove a…

Continua a leggere

Per l’edizione degli Oscar 2023 il tappeto rosso cambia look e diventa color champagne per la prima volta dal 1961. Il nuovo colore della passerella più ambita su cui sfilano le celebrità di Hollywood e anche di tutto il mondo è stato srotolato l’8 marzo in vista dei preparativi della cerimonia di domenica 12 marzo. Come riportato dall’ANSA, in merito a questo rinnovamento, il presentatore della serata, ovvero Jimmy Kimmel ha scherzato: “La decisione di scegliere un tappeto color champagne al posto di uno rosso mostra come l’Academy sia sicura che non ci sarà spargimento di sangue”, facendo quasi sicuramente…

Continua a leggere

Creed 2 diretto da Steven Caple Jr. del 2018, finisce con la vittoria di Adonis Creed (Michael B.Jordan) su Viktor Drago (Florian Munteanu), sconfitto proprio in patria. In questo rematch Creed, grazie all’estenuante allenamento nel deserto pensato da Rocky (Sylvester Stallone), ritorna pienamente in forma dal punto di vista fisico e mentale e riesce a confermarsi campione dei pesi massimi. Nel rematch finale di Creed II, il pugile russo è spiazzato: non si aspetta un avversario potente e veloce. Nella parte iniziale l’incontro sembra essere equilibrato, ma poi sembra avere la meglio sul giovane Creed, che però si rialza sempre.…

Continua a leggere

Il Dyson Zone è un dispositivo da circa 1000 euro che permette, a chi l’utilizza, di crearsi una vera e propria bolla hi-tech, grazie alla sua avanzatissima tecnologia due-in-uno: una cuffia wireless antirumore che è anche un purificatore d’aria portatile. Un progetto studiato e per il quale l’azienda inglese, leader di aspirapolveri top di gamma, ci ha lavorato per oltre cinque anni (quindi ben prima della pandemia del Covid) pensando innanzitutto a un dispositivo che potesse avere la funzione primaria di proteggere contro l’inquinamento di ambienti troppo trafficati, rumorosi e malsani. Da un certo punto di vista potrebbe sembrare un…

Continua a leggere

Raffaele Minichiello, conosciuto anche come Ralph, classe 1949, a soli vent’anni, è il primo uomo al mondo responsabile del dirottamento aereo intercontinentale più lungo di tutti i tempi. Una storia vera che ha dell’incredibile e che ha ispirato il documentario Kill Me if You Can.  Ralph nasce a Melito Irpino (provincia di Avellino) e dopo aver perso tutto nel terremoto del 1962, all’età di quattordici anni si trasferisce con la famiglia a Seattle; a diciassette anni e mezzo si arruola subito nei Marines e non passa molto tempo che già riesce a imbarcarsi per la guerra in Vietnam, nella quale…

Continua a leggere

Scream, il film diretto da Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett nel 2022, finisce con Amber (Mikey Madison) che spara in testa a Liv (Sonia Ammar). Ma non solo: poco dopo scopriamo che l’assassina non è da sola. Ad aiutarla c’è anche Richie (Jack Quaid), il ragazzo di Sam (Melissa Barrera) il quale, durante una colluttazione cerca di impossessarsi della pistola, ma sorprendentemente la pugnala al fianco, rivelandosi il secondo assassino. Durante una colluttazione tra Sidney (Neve Campbell) e Amber, quest’ultima riesce a impossessarsi della pistola e puntandola alla testa della donna, la costringe a recarsi in cucina dove la raggiungerà…

Continua a leggere

La regina delle salse più famose al mondo, la Heinz, sta cercando il signor Elvis François, ex naufrago che a dicembre 2022, al largo dell’isola di St Martin nelle Antille olandesi, per 24 giorni si è nutrito solo di ketchup, per aiutarlo a comprare una barca nuova. L’odissea inizia a dicembre 2022, al largo dell’isola di St Martin nelle Antille olandesi, quando ad un tratto la barca a vela del signor Elvis (che lui stava riparando) viene spinta in balìa delle correnti e diventa ingovernabile. L’uomo aveva provato a contattare i suoi amici ma senza successo e quindi ha potuto…

Continua a leggere

Nel Kamasutra , la posizione del ragno è perfetta per l’orgasmo simultaneo proprio perché entrambi i partner sono attivi: lei è sdraiata supina con le gambe piegate e facendo perno sui piedi e i gomiti sollevando il bacino; lui, si insinua tra le gambe di lei sempre con le gambe piegate e il sedere sollevato a braccia tese facendo leva sui polsi. Una volta vista l’immagine esplicativa, possiamo dedurre che la posizione del ragno trae il nome proprio dall’insetto perché l’incastro delle gambe dei partner lo ricorda in modo piuttosto chiaro. Sia lui che lei possono gestire attivamente in egual…

Continua a leggere

Il nome d’arte di Brian Hugh Warner, alias Marilyn Manson, altro non è che l’accostamento di due icone degli anni sessanta, ovvero il nome della diva, icona e attrice del cinema Marilyn Monroe e il cognome del più brutale criminale di sempre Charles Manson. La motivazione di questa sorta di “matrimonio” tra due personaggi opposti e contrari vuole sia criticare che celebrare la cultura e la storia americana. Ma non solo: Marilyn Manson è anche soprannominato Il Reverendo. Nel 1996 si fa conoscere per la natura dei suoi testi tutt’altro che religiosi e per le sue dichiarazioni che elogiano a…

Continua a leggere